Home Oroscopo del mese Ariete Maggio

Ariete Maggio

2641
CONDIVIDI

Un mese interlocutorio, come spesso capita, occorre avere pazienza

Un mese così così, non certo perché qualcosa andrà storto, ma semplicemente perché non noterete nessun miglioramento nella vostra vita. L’oroscopo del mese presenta poche novità. Siete alla ricerca di qualcosa non ben identificato, e l’incapacità di capire di cosa si tratti vi rende un po’ nervosi e suscettibili. Maggio 2016 è per l’Ariete il mese giusto per fermarsi a riflettere e valutare bene come organizzare al meglio il proprio futuro. Non disperate, con l’estate tornerete in gran forma.

Per l’amore ci vorrà ancora un poco di tempo prima che…

Non è il mese dell’amore, questo è sicuro. Vi piacerebbe molto vedervi sistemati e felici in coppia con qualcuno per cui provate veramente sentimenti puri, ma dovrete rimandare all’estate il vostro desiderio. Pochi mesi prima di potervi tuffare in un mare ciastrobri ariete conquiste, quello che state aspettando da molto, insomma. Chi vive in coppia, invece, troverà una soluzione per abbattere la monotonia del solito tran tran quotidiano: soprattutto gli Ariete maschio proporranno alla propria partner un viaggio o un fine settimana d’amore in una capitale europea. Il modo migliore per riscoprire la passione ed il romanticismo. Il piano professionale invece viaggia un po’ meglio, non perché ci saranno delle novità nell’immediato, bensì perché comincerete a porre delle solide basi per il futuro: sarà Mercurio nel segno a darvi lo slancio positivo, che vi permetterà di farvi le idee più chiare su quello che dovrà essere il vostro futuro lavorativo. Per chi è in cerca di lavoro, un colloquio che state da lungo tempo aspettando arriverà verso la metà del mese, e potrebbe essere molto positivo. Per la salute non c’è male, qualche raffreddore fastidioso, ma nulla che vi possa impedire di vivere normalmente alla giornata. Se volete scaricare lo stress, pensate di iscrivervi ad un corso di pilates.

Un Toro vi darà una grossa mano a risolvere una bega sul posto di lavoro, non smetterete di ringraziarlo.